.
Annunci online

 
francescalulleri 
spazio2999@gmail.com (mi trovate anche su francescalulleri.altervista.org)
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Il mio curriculum
Il mio blog su altervista
Tutti i miei articoli su SM News
Fernando Bassoli
Wow Notizie
MareVivo Sardegna
  cerca

 

  

TUTTI I LIBRI DI 

FERNANDO BASSOLI

& FRANCESCA 

LULLERI:

 

Cliccate sulle copertine

per le informazioni:


I RACCONTI DEL 2012

http://www.compraebook.com/565/I-racconti-del-2012

 

 

 

 

IL CUORE OLTRE L'OSTACOLO

http://www.compraebook.com/566/Il-cuore-oltre-lostacolo

 

 

 
 
 
 

 

UNA VITA SBAGLIATA

http://www.compraebook.com/197/Una-vita-sbagliata

 

 

 

ELISIR   (Poesie)

http://www.compraebook.com/187/Elisir

 

 

 

COME CAMMINA UN UOMO 

SENZA GAMBE?

http://www.compraebook.com/189/Come-cammina-un-uomo-senza-gambe

 

 

TRE DONNE

http://www.compraebook.com/190/Tre-donne

 

 


 

RACCONTI SURREALI

http://www.compraebook.com/191/Racconti-surreali

 

 

 

IL VERO VOLTO DELLE DONNE

http://www.compraebook.com/192/Il-vero-volto-delle-donne

 

 

 


COME CAMPA UN UOMO 

SENZA SOLDI?

http://www.compraebook.com/193/Come-campa-un-uomo-senza-soldi

 

 

PROFUMI POSTUMI

http://www.compraebook.com/194/Profumi-postumi

 

 

 

RACCONTI ANARCHICI

http://www.compraebook.com/196/Racconti-anarchici

 

 

 


 Videoletture:

 

 

 
La scelta di Griselda - 1a parte

(cliccare sui video...)
 


La scelta di Griselda - 2a parte

 

PageRank Checking Icon


 

diario | consigli di lettura | i miei racconti | 2012 | Riflessioni | Dal blog di Fer | OOPart | Recensioni by Fer | i miei articoli | Grandi Artisti | Le antologie in cui sono presente | Interviste a Fernando Bassoli | I racconti di Fernando Bassoli su youtube | Acquisti online: e.book Fernando Bassoli | Varie | Gli articoli di Fernando Bassoli su Reset Italia | Le mie recensioni | MareVivo | I miei articoli su SM News |
 
Riflessioni
1visite.

18 giugno 2010

Prendiamo il buono da ogni cosa che ci capita...




permalink | inviato da Genesis81 il 18/6/2010 alle 22:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

7 giugno 2010

Una riflessione nata da un'altra riflessione

Oggi ho letto una riflessione di Fernando Bassoli sulla differenza tra l'essere realmente scrittori e l'essere, invece, solo persone che scrivono libri ( e pure tanti, come sta accadendo in Italia da alcuni anni )

" Tra uno scrittore e uno che scrive libri c'è una differenza enorme.
Il primo legge molto e scrive poco, il secondo scrive molto e legge poco. "

Fernando Bassoli


Questa riflessione mi ha quindi portato inesorabilmente ad analizzarmi e ad analizzare ciò che realmente sono, o che diventerò in futuro.


Esistono quindi due strade. Una commerciale, e se vogliamo "facile", che probabilmente potrebbe garantire in poco tempo tanti lettori. Questo però non vuol dire che il libro venduto sia un "capolavoro" vuol semplicemente dire che rappresenta e rispecchia ciò che la gente vuole in quel determinato momento. Chi sceglie il commerciale solitamente sceglie, secondo il proprio immaginario, una strada meno ricca di ostacoli e quindi forse più semplice rispetto a chi, coraggiosamente, sceglie di scrivere ciò che sente senza essere in alcun modo influenzato dalla massa. Questi ultimi sono quindi degli artisti, che scrivono per il gusto di scrivere, per arrivare solo ed esclusivamente alle persone "degne". Non a tutte. Chi scrive commerciale invece ricerca l'ampio consenso della massa, senza rendersi conto, o forse sì, che così inesorabilmente la massa spersonalizza le sue idee... uniformandole a tutto il resto. Dov'è quindi l'artista? Non c'è più. C'è solo una persona che scrive. Torniamo ora alla frase di Fernando Bassoli, che racchiude al suo interno una grandissima verità. Lo scrittore "deve" leggere molto. Per lui è un bisogno. Un richiamo ancestrale. Qualcosa che "deve" fare. Non c'è un motivo particolare. E' un bisogno primario. Come il respirare. L'Italia è un paese in cui ci dovrebbero essere delle vendite spaventose di libri, visto l'alto numero di scrittori o pseudo tali... e invece non è così. Questo perché? Perché la maggior parte di chi pubblica scrive e basta, ma non è scrittore. E chi compra non compra perché ama leggere, ma perché è "moda" leggere questo o quell'autore. 

E lo scrittore, quello vero, vive il suo "essere tale" fra mille difficoltà. Prima fra tutte quella economica.

Lo Stato dovrebbe garantire agli "scrittori" qualcosa per continuare a fare bene ciò che fanno. Perché la cultura va salvaguardata e con essa chi, ogni giorno, combatte per farla.

Altrimenti finiremo tutti (togliendo i classici ovviamente) nel leggere solo tante fesserie messe insieme da persone che hanno come obiettivo quello della vendita e non dello "scrivere"... e di certo non è una bella prospettiva.




permalink | inviato da Genesis81 il 7/6/2010 alle 15:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

1 aprile 2010

Sul voto di scambio

Molte persone con difficoltà economiche sono convinte che votando questo o quel politico le cose possano cambiare in meglio nella loro vita o in quella dei propri figli. E' un'illusione, perché quasi mai chi viene eletto mantiene le promesse fatte. Questo non vuol dire non avere ideali o vendersi... ma è anche vero che è un modo di arrendersi a chi, in teoria, ha il potere di cambiare la triste e schifosa realtà che li circonda. Gli Italiani hanno un grande difetto... quello di sognare e di dare troppa fiducia. Si illudono che qualcosa possa cambiare solo grazie ad un semplice voto di favore, ma ancora in molti non hanno capito che qualcosa cambierà solo per chi decideranno loro, come figli, nipoti, cognati, conoscenti... in una sorta di circolo vizioso dal quale se non ci decidiamo a fare qualcosa non ne usciremo mai; e di certo nulla cambierà per le povere persone che "vogliono" credere alle loro false promesse per la disperazione. Ma questo non vuol dire non avere idee. Le idee ci sono, solo che per necessità un elettore è quasi costretto a credere in qualcosa che possa cambiare il proprio modo di vivere in meglio. E' un discorso complesso ed è alla base di tutto la politica sbagliata che c'è in Italia. E non si vendono solo le persone povere, in un certo qual modo ci vendiamo tutti... perché non c'è nessuno in grado di fare politica in Italia, i politici italiani andrebbero tutti cambiati... bisogna rinnovare. E dobbiamo deciderci a fare qualcosa perché questo sia possibile. Nessuno merita voti.




permalink | inviato da Genesis81 il 1/4/2010 alle 16:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile